SCELTA TV logo



SCELTA TV TELEVISION & RADIO


SCELTA TV TELEVISION - anno 1977: concept idea e prima nascita

Sull'onda delle continue nascite di televisioni libere in tutta Italia a cavallo tra il 1976 ed il 1978, anche i f.lli Consolazione editori non vogliono mancare all'appuntamento con l'etere libero.
E' il 1977 quando sugli schermi televisivi romani appare sul canale 29 il monoscopio/logo di SCELTA TV, spesso accompagnato dalle note musicali de "Il gatto e la volpe" di Edoardo Bennato.

Sembra essere l'inizio di una nuova grande iniziativa televisiva della casa editrice f.lli Consolazione, sensazione accentuata dalla messa in onda degli spot pubblicitari che s' intervallavano al segnale fisso del logo di SCELTA TV!

E' in realtÓ una precisa mossa strategica a fini d'immagine e di prestigio, finalizzata anche ad intimorire la concorrenza editoriale nel settore.
A rendere ancor pi¨ palese la sensazione che l'emittente televisiva SCELTA TV Television fosse ad un passo dalla messa in onda di programmi regolari, nell'agosto del 1977 Ŕ presentata sul n.33 anno I del settimanale SCELTA TV, la Sig.ra Maria Grazia, annunciatrice ufficiale dell'emittente SCELTA TV Television!

Maria Grazia di Scelta TV Television Maria Grazia di Scelta TV Television

Pochissimi mesi dopo SCELTA TV Television scompare misteriosamente nel nulla senza aver mai cominciato una regolare programmazione.
ResterÓ un mistero fittissimo, nell'oblio della memoria, per oltre 25 anni!

Solo nel 2005, Il dott. Ugo Consolazione, padre fondatore di Scelta TV, ha svelato alcuni particolari inediti sulla vicenda di SCELTA TV Television:
L' emittente era stata originariamente creata dall'ing. Takis Davaris, collaboratore per la parte tecnica della casa editrice f.lli Consolazione, per emettere un segnale di prova per la messa a punto delle centraline di ricezione di sua ideazione.
Tale struttura tecnica fu quindi utilizzata per la messa in onda delle trasmissioni sperimentali di SCELTA TV Television sul canale 29 UHF.
Fu proprio la scelta del canale 29 UHF a rivelarsi sbagliata, troppo vicino al canale 28 UHF utilizzato dalla RAI, tant'Ŕ che successivamente fu reso riservato, inibendolo alle trasmissioni televisive!